Attualmente sei su:

29/03/11 - VOGUE PELLE - Foot Project

Questa interessantissima giornalista Lina Colasanto, fece un bellissimo articolo su di me che uscì su "VOGUE pelle" nel marzo del 2008, la cosa fù davvero inaspettata:

 

Fetish art. un'impronta, lasciata su un calco da una modella,si trasforma attraverso l'opera di Manuel Poggi in una futuristica calzatura, vero e proprio progetto architettonico. Dalla scuola del fumetto, agli studi di nudoartistico per giungere alla sculpture shoes, Manuel crea il modello utilizzando resine bicomponentimolto leggere, gomme espanse e silicone da cui scaturiscono sagome uniche e irriproducibili perchè lasciate da una determinata persona in un preciso istante. Nel momento in cui l'idea assume forma i materiali e i procedimenti scelti per realizzarla sono i più disparati: dalla micro fusione in acciaio all'uso dell'alluminio o del kevlar, dal semplice metallo all'assemblaggio di penne a sfera, ma anche fibre ottiche e plexiglass. Successivamente vengono ricoperte di vernici vitree, pitturate e cesellate. Considera il piede la sua chiave di volta, il punto di partenza e contatto con il corpo. Lavora sui pesi e sugli equilibri, intervenendo sulla figura, destabilizzandola, "costringendola a pensare dall'alto di un tacco", oppure a vestirsi di gusci, sorta di moderna ghetta o di stivale destrutturato.

I prototipi possono essere perfettamente indossati oppure alterati. tacchi sagomati, suole forate e non livellate. il baricentro è spostato, il senso dell'equilibrio falsato, e il pensiero concentrato unicamente sui suoi modelli. L'hic et nunc dell'opera artisticaconcretizzato in una prospettiva surreale.